La finalità di questo blog è fornire informazioni esclusivamente a scopo informativo e non dovrebbero mai essere considerate come un sostituto dell'opinione di un professionista.

Raffreddore solo mattina e sera

Il raffreddore è una delle malattie più comuni che affligge le persone di tutte le età. È caratterizzato da sintomi come naso chiuso, starnuti, mal di gola e tosse. Mentre il raffreddore può manifestarsi in qualsiasi momento della giornata, molte persone notano che i sintomi sono più intensi al mattino e alla sera. Ma perché succede questo?


1. Ciclo circadiano e sistema immunitario

Il nostro corpo segue un ritmo naturale chiamato ciclo circadiano, che regola vari processi biologici, tra cui il sistema immunitario. Durante la notte, il sistema immunitario è più attivo, lavorando per combattere le infezioni e riparare i danni cellulari. Di conseguenza, al mattino potremmo sentirci meglio rispetto alla sera, quando il sistema immunitario potrebbe essere più affaticato.


2. Esposizione a allergeni e irritanti

Al mattino e alla sera, potremmo essere più esposti a allergeni e irritanti che possono peggiorare i sintomi del raffreddore. Ad esempio, durante la notte, potremmo essere a contatto con acari della polvere o muffe presenti nella nostra camera da letto. Allo stesso modo, al mattino potremmo essere esposti a pollini o inquinanti atmosferici che possono irritare le vie respiratorie e causare sintomi più intensi.


3. Effetto della postura e dell’attività fisica

La postura e l’attività fisica possono influenzare la gravità dei sintomi del raffreddore. Durante la notte, potremmo assumere una posizione che favorisce il ristagno di muco nelle vie respiratorie, causando congestione nasale al mattino. Inoltre, al mattino potremmo iniziare a muoverci di più, aumentando la circolazione sanguigna e favorendo la fluidificazione del muco, alleviando così i sintomi.

È importante ricordare che il raffreddore è una malattia virale che di solito si risolve da sola nel giro di una settimana o due. Tuttavia, se i sintomi persistono o peggiorano, è consigliabile consultare un medico. Ricorda sempre di non basarti solo su informazioni online e di cercare sempre il parere di un professionista qualificato per la diagnosi e il trattamento medico.


Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo e non deve essere considerato come sostituto di consigli medici professionali. Se hai sintomi persistenti o gravi, consulta un medico.

Autore:
Sandra Antonelli
Sandra Antonelli, esperta in chimica farmaceutica presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, ha più di 10 anni di esperienza nell'industria farmaceutica. Attualmente lavora come ricercatrice presso il laboratorio della Farmacia Savonuzzi.