La finalità di questo blog è fornire informazioni esclusivamente a scopo informativo e non dovrebbero mai essere considerate come un sostituto dell'opinione di un professionista.

Perché viene l’afta in bocca

L’afta in bocca è un disturbo comune che colpisce molte persone. Si tratta di una piccola ulcera o lesione che si forma all’interno della bocca, generalmente sulle guance, sulle labbra o sulla lingua. Nonostante sia un problema fastidioso, l’afta in bocca di solito guarisce da sola entro una o due settimane. Ma perché viene l’afta in bocca? Vediamo insieme alcune delle possibili cause.

Cause dell’afta in bocca

Nonostante la causa esatta dell’afta in bocca non sia ancora del tutto chiara, diversi fattori possono contribuire alla sua comparsa. Ecco alcune delle possibili cause:


1. Traumi o lesioni:

Mordere accidentalmente la guancia o la lingua, utilizzare spazzolini da denti duri o mangiare cibi troppo duri o taglienti possono causare piccole lesioni all’interno della bocca, favorendo la formazione di afte.


2. Stress:

Lo stress può influire sul sistema immunitario, rendendo il corpo più suscettibile a infezioni e disturbi, tra cui le afte in bocca.


3. Carenze nutrizionali:

Una dieta povera di vitamine e minerali essenziali, come vitamina B12, acido folico e ferro, può aumentare il rischio di sviluppare afte in bocca.

Trattamento e prevenzione

Anche se l’afta in bocca di solito guarisce da sola, ci sono alcune misure che è possibile adottare per accelerare il processo di guarigione e prevenirne la comparsa:


1. Mantenere una buona igiene orale:

Spazzolare i denti almeno due volte al giorno e utilizzare il filo interdentale regolarmente può aiutare a prevenire l’accumulo di batteri che possono causare afte in bocca.


2. Evitare cibi irritanti:

Alcuni cibi, come agrumi, cioccolato, caffè e cibi piccanti, possono irritare la mucosa orale e favorire la comparsa di afte. Evitare o limitare il consumo di questi alimenti può aiutare a prevenire le lesioni.


3. Ridurre lo stress:

Gestire lo stress attraverso tecniche di rilassamento, come lo yoga o la meditazione, può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare afte in bocca.

Ricorda sempre che l’afta in bocca è un disturbo comune e di solito non richiede un trattamento specifico. Tuttavia, se le afte persistono per più di due settimane, sono molto dolorose o si ripresentano frequentemente, è consigliabile consultare un medico o un dentista per una valutazione più approfondita.


Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo e non deve essere considerato come sostitutivo di consigli medici professionali. Se hai dubbi o preoccupazioni sulla tua salute, consulta sempre un professionista sanitario qualificato.

Autore:
Sandra Antonelli
Sandra Antonelli, esperta in chimica farmaceutica presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, ha più di 10 anni di esperienza nell'industria farmaceutica. Attualmente lavora come ricercatrice presso il laboratorio della Farmacia Savonuzzi.