La finalità di questo blog è fornire informazioni esclusivamente a scopo informativo e non dovrebbero mai essere considerate come un sostituto dell'opinione di un professionista.

Bruciore di stomaco mentre mangio

Il bruciore di stomaco è una sensazione di bruciore o dolore che si verifica nella parte superiore dell’addome, dietro lo sterno. Questo fastidio può essere particolarmente sgradevole quando si verifica durante i pasti. In questo articolo, esploreremo le cause del bruciore di stomaco durante il pasto e forniremo alcuni rimedi utili per alleviare i sintomi.

Cause del bruciore di stomaco durante il pasto

Il bruciore di stomaco durante il pasto può essere causato da diversi fattori. Uno dei principali è il reflusso gastroesofageo, una condizione in cui il contenuto acido dello stomaco risale nell’esofago. Questo può accadere quando il muscolo che separa lo stomaco dall’esofago, chiamato cardias, non si chiude correttamente. Il reflusso gastroesofageo può essere aggravato dal consumo di cibi piccanti, grassi o fritti, bevande gassate, alcol e caffè.

Un’altra possibile causa del bruciore di stomaco durante il pasto è la gastrite, un’infiammazione della mucosa dello stomaco. La gastrite può essere causata da infezioni batteriche, uso prolungato di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), stress o abuso di alcol. Quando si mangia, l’acidità dello stomaco aumenta per digerire il cibo, e questo può causare irritazione e bruciore nella mucosa infiammata.

Infine, il bruciore di stomaco durante il pasto può essere legato a disturbi funzionali come la sindrome dell’intestino irritabile o la dispepsia funzionale. Queste condizioni sono caratterizzate da sintomi gastrointestinali come dolore addominale, gonfiore e alterazioni del transito intestinale. Il bruciore di stomaco può essere uno dei sintomi associati a queste condizioni.

Rimedi per il bruciore di stomaco durante il pasto

Se si soffre di bruciore di stomaco durante il pasto, ci sono alcune misure che si possono adottare per alleviare i sintomi. Prima di tutto, è importante identificare e evitare i cibi e le bevande che scatenano il bruciore di stomaco. Questi possono variare da persona a persona, ma spesso includono cibi piccanti, grassi, fritti, cioccolato, agrumi, bevande gassate, alcol e caffè.

Inoltre, è consigliabile mangiare porzioni più piccole e fare pasti più frequenti, in modo da evitare di sovraccaricare lo stomaco. È anche utile evitare di coricarsi immediatamente dopo aver mangiato e sollevare leggermente il busto durante il sonno, utilizzando cuscini o un letto regolabile.

Se i sintomi persistono nonostante questi rimedi, è importante consultare un medico. Il bruciore di stomaco può essere un sintomo di condizioni più gravi come l’ulcera peptica o il cancro dello stomaco, che richiedono una diagnosi e un trattamento adeguati. Un medico sarà in grado di valutare i sintomi, effettuare eventuali esami diagnostici necessari e consigliare il trattamento più appropriato.

Infine, ricordate sempre che le informazioni fornite in questo articolo sono solo a scopo informativo e non devono sostituire il parere di un medico professionista. Se si soffre di bruciore di stomaco o di altri sintomi gastrointestinali, è sempre consigliabile consultare un medico per una valutazione accurata e un trattamento adeguato.

Fonti:

  1. Mayo Clinic. Heartburn.

    https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/heartburn/symptoms-causes/syc-20373223
  2. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Acid Reflux (GER & GERD) in Adults.

    https://www.niddk.nih.gov/health-information/digestive-diseases/acid-reflux-ger-gerd-adults
  3. WebMD. Heartburn/GERD Health Center.

    https://www.webmd.com/heartburn-gerd/default.htm

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo e non deve essere considerato come consulenza medica professionale. Si consiglia di consultare un medico qualificato per una valutazione accurata e un trattamento adeguato.

Autore:
Sandra Antonelli
Sandra Antonelli, esperta in chimica farmaceutica presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, ha più di 10 anni di esperienza nell'industria farmaceutica. Attualmente lavora come ricercatrice presso il laboratorio della Farmacia Savonuzzi.