La finalità di questo blog è fornire informazioni esclusivamente a scopo informativo e non dovrebbero mai essere considerate come un sostituto dell'opinione di un professionista.

A che età prendere la vitamina d

La vitamina D è un nutriente essenziale per il nostro corpo, che svolge un ruolo fondamentale nella salute delle ossa e del sistema immunitario. Ma a che età è consigliabile iniziare a prendere la vitamina D? In questo articolo, esploreremo l’importanza della vitamina D nelle diverse fasi della vita e forniremo alcune linee guida generali.

Neonati e bambini

I neonati ricevono una piccola quantità di vitamina D dalla madre durante la gravidanza e attraverso il latte materno. Tuttavia, questa quantità potrebbe non essere sufficiente per soddisfare completamente le loro esigenze. Pertanto, è raccomandato che i neonati ricevano un integratore di vitamina D, in genere sotto forma di gocce, dalla nascita fino all’età di un anno. Questo aiuta a prevenire la carenza di vitamina D e a promuovere una corretta crescita e sviluppo delle ossa.

Per i bambini di età superiore a un anno, la vitamina D può essere ottenuta anche attraverso una dieta equilibrata che includa alimenti ricchi di questa vitamina, come pesce grasso, tuorlo d’uovo e latte fortificato. Tuttavia, in alcune situazioni, come in caso di scarsa esposizione al sole o di una dieta limitata, potrebbe essere necessario un integratore di vitamina D. È importante consultare il pediatra per determinare se il bambino ha bisogno di un supplemento.

Adolescenti e adulti

Nell’adolescenza e nell’età adulta, la vitamina D continua a svolgere un ruolo importante nella salute delle ossa. Aiuta ad assorbire il calcio e il fosforo, minerali essenziali per la formazione e il mantenimento delle ossa forti. Inoltre, la vitamina D svolge un ruolo nel sistema immunitario, nella salute cardiovascolare e nella regolazione dell’umore.

La maggior parte delle persone può ottenere una quantità adeguata di vitamina D attraverso l’esposizione al sole e una dieta equilibrata. Tuttavia, alcune persone potrebbero avere un rischio maggiore di carenza di vitamina D, come le persone anziane, le persone con pelle scura o chi vive in regioni con poca luce solare. In questi casi, potrebbe essere consigliabile prendere un integratore di vitamina D, sempre sotto la supervisione di un medico.

Mentre i neonati possono beneficiare di un integratore di vitamina D dalla nascita fino all’età di un anno, gli adolescenti e gli adulti possono generalmente ottenere una quantità adeguata attraverso l’esposizione al sole e una dieta equilibrata. Tuttavia, in alcune situazioni, potrebbe essere necessario un integratore di vitamina D. Ricorda sempre di consultare un medico prima di iniziare qualsiasi supplemento e di non utilizzare queste informazioni come sostituto di consigli medici professionali.

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo e non deve essere utilizzato come sostituto di consigli medici professionali. Se hai domande o dubbi sulla tua salute, consulta sempre un medico qualificato.

Autore:
Sandra Antonelli
Sandra Antonelli, esperta in chimica farmaceutica presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, ha più di 10 anni di esperienza nell'industria farmaceutica. Attualmente lavora come ricercatrice presso il laboratorio della Farmacia Savonuzzi.